PIANTE NON VELENOSE PER GATTI

I gatti si dividono in due categorie: gli aiutanti giardinieri e i vandali distruttori. Ah no scusate, esistono anche gli imprevedibili: sono entrambe le cose e si trasformano quando meno ve lo aspettate.

piante non velenose per gatti 3

Molti di voi condividono l’abitazione con un amico a quattro zampe ed una cosa è certa: è impossibile approcciare ad un rinvaso in solitudine. Ogni arnese, materiale e concime legato alla nostra giungla domestica li attrae in maniera curiosa, dobbiamo solo stare attenti per la loro incolumità che non entrino in contatto con piante per loro tossiche.

Quali sono le piante non velenose per gatti?

Ecco una selezione di 5 piante innocue per i nostri amici a quattro zampe, ma al contempo decorative per la nostra indoor jungle:

Beaucarnea recurvata

piante non velenose per gatti 4

Conosciuta anche più comunemente come Pianta Mangiafumo è molto diffusa nelle nostre abitazioni. È originaria del Messico meridionale ed appartiene alla famiglia delle Agavaceae.

La forma del suo fusto ricorda quello di una bottiglia: al suo interno è infatti custodita una riserva d’acqua necessaria alla pianta nei periodi di siccità.

Predilige un ambiente ben illuminato, in quanto in natura è esposta costantemente ai raggi solari e gradisce un clima temperato che non scenda mai sotto i 10 gradi. In natura può raggiungere i 15 mt di altezza e produrre fiori giganti! 

Bromelia

bromelia

una pianta tropicale originaria dell’America Centrale, appartenente alla famiglia delle Bromeliacee. Ne esistono tantissime varietà – tutte non velenose per gatti – accumunate da alcune caratteristiche sempre presenti: sono sempreverdi ed hanno fiori molto vistosi!

Ama la luce ma non l’esposizione diretta ai raggi del sole che potrebbe bruciarne le foglie. Essendo una pianta epifita che vive nei sottoboschi, ama un terriccio particolarmente sabbioso. Ricordate di annaffiarla oltre che per immersione, anche riempendo le sue rosette: in natura sono vere e proprie piscine naturali per i volatili!

Peperomia

piante non velenose per gatti 2

una pianta sempreverde molto graziosa, appartenente alla famiglia delle Piperaceae. Proviene dall’America Merdionale ma è diffusa in tutto il mondo, vantando più di 1000 specie. Pur essendo la stessa pianta, in natura adotta diversi portamenti: da quello rampicante a quello cespuglioso, a volte anche strisciante: ce n’è per tutti i gusti!

È una pianta poco esigente, ama la luce e le temperature miti, odia il freddo e i ristagni d’acqua. Va vaporizzata in estate ed è molto semplice da propagare per talea.

Haworthia Cooperi

piante non velenose per gatti

È una pianta succulenta della famiglia delle Asphodelaceae. 

Proviene dal Sud Africa ed è una caratteristica magica: le sue foglie hanno variegature trasparenti! Si sviluppa infatti creando piccole rosette formate da foglie carnose che hanno l’obiettivo di immagazzinare l’acqua per prevenire i periodi di siccità. È una pianta pet friendly con dimensioni ridotte, si sviluppa più orizzontalmente che in altezza e fiorisce in primavera-estate con lunghi steli che culminano con fiorellini di colore bianco. Gradisce la penombra e non tollera le temperature sotto i 5 gradi.

Erba gatta

erba gatta

il cui nome botanico è Nepeta Cataria, è una pianta aromatica della famiglia delle Lamiaceae. Proviene dalle coste mediterranee e si presenta in piccoli cespugli filamentosi. Ha un odore simile a quello della menta ed è molto benefica per i gatti: contiene infatti vitamine, minerali, olii essenziali che fungono da vero e proprio feromone, attirandone l’attenzione.

Va coltivata come una comune erba aromatica: posizionare in mezz’ombra e annaffiare tutti i giorni!

A queste potete aggiungere anche la: Calathea, Falangio, Felce di Boston, Fittonia, Kentia, Tradescantia e ovviamente le Erbe Aromatiche.

Piante velenose per gatti

piante velenose per gatti

Alcune piante in natura secernono delle sostanze tossiche: serve loro per difendersi da eventuali animali “masticatori”. Se i nostri animali domestici ingeriscono o rosicchiano le loro foglie, potrebbero incorrere in problemi gastro intestinali. Se dovesse accadere, suggeriamo di rivolgervi sempre al veterinario indicando il tipo di pianta che è stata mangiata!

Nella lista di piante velenose per gatti e quindi sconsigliate troviamo il Filodendro, l’Agave e persino la Stella di Natale!

A volte però, piuttosto che privarci della possibilità di avere una pianta in casa, è sufficiente trovare per lei un posto strategico difficilmente raggiungibile dai nostri gatti.

In alto sulla libreria, sopra il frigorifero, in sospensione. Ognuno conosce i suoi polli ehm, gatti!

Se invece, la vostra esigenza non è salvare i gatti dalle piante, ma al contrario, le piante dai felini, continuate a seguirci perché stiamo preparando un nuovo articolo per voi!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *