GIARDININVASO – Autumn Edition

Le ottobrate romane che si tingono di green sono le nostre preferite: dopo 6 mesi eccoci all’edizione autunnale di GiardinInVaso, la mostra mercato di piante felici, organizzata dal Festival del Verde e del Paesaggio.

giardininvaso

Il 2 e 3 ottobre, l’Orto Botanico di Roma si è trasformato in uno spazio eventi, pieno di piante e di persone, con una ricca programmazione, tra talk, laboratori e lezioni davvero interessanti.

Vi abbiamo già spiegato in occasione della scorsa edizione primaverile come funziona il Festival e abbiamo notato con piacere che si sta evolvendo in un’entità ancor più interattiva e in linea con le ultime tendenze!

giardininvaso

Oltre le vecchie conoscenze che si riconfermano una sicurezza nelle loro proposte botaniche, ci teniamo a segnalarvi 3 espositori che ci hanno profondamente colpito: sarà che di così specifici su questo genere di piante non ne avevamo mai conosciuti!

YAYA HOYA di Toti Bellavista, uno scrittore ed appassionato di piante che ha fatto del suo talento un lavoro: è infatti uno dei maggiori coltivatori di hoya su territorio italiano. Iniziando per diletto, ora è in grado di riprodurre migliaia di questi esemplari, fino ad arrivare ai più rari. Dalla Sicilia copre tutta Italia, tra spedizioni e fiere a cui partecipa. Chiamata la sua azienda “Yaya” in onore della figlia – con cui condivide l’amore per questa specie – è oggi anche nella Associazione Italiana Hoya e nella redazione di STEMMA, una rivista mensile interamente dedicata alle Hoya. Ragazz* è da perderci la testa!

HANNIBAL PLANTS di Giampiero Lupino, un vero e proprio esercito di piante carnivore: colorate, intelligenti, decisamente fuori dal coro.

Giampiero e la sua collaboratrice ci hanno spiegato – essendo noi neofite sul tema – quali sono le regole base per la giusta coltivazione di questa categoria di piante: esterno, sole e acqua piovana. Qualora perdano durante l’inverno la parte fogliare, non bisogna disperare, rinascerà in primavera. Che dirvi, le composizioni da loro realizzate erano davvero magnetiche: non escludiamo di cimentarci in una “mini palude” di carnivore molto presto!



COTTAGE GARDEN BEATRICE di Stefania Annucci, che ha intitolato il Vivaio alla nonna, colei che le ha trasmesso la passione per le piante.

Dall’evidente taglio anglosassone, lo stand di erbacee perenni e annuali, ha senza dubbio lanciato il trend di questa edizione autunnale: non c’è stato visitatore che non abbia acquistato una delle sue graminacee Muhlenbergia Capillaris! Ciuffi rosati che si aggiravano per le vie di Trastevere, tanto da poterne seguire la scia, risalendo fino all’ingresso dell’Orto Botanico… e ovviamente non ce la siamo fatta scappare!

giardininvaso

A rendere ancora più piacevole il ricordo di questa edizione, è il fatto che siamo state invitate al panel “Plant Community – Joyful Gardening”, nel quale, assieme a Greenffink e Andrea De Luca, abbiamo raccontato a Laura Bianchi – aka The Garden Editor – quali sono le dinamiche delle comunità social che ruotano attorno al mondo delle piante, come potrebbero svilupparsi e quanta energia riescono a trasmettere! Se ve lo siete perso e avete voglia di rivederlo, potete recuperare la diretta instagram sul profilo del Festival!

E voi, ci siete stati? Se sì taggateci nelle vostre IG stories mostrando il vostro bottino: non saremo invidiose, promesso!

giardininvaso

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *