COME FARE UN TERRARIO O DOVE COMPRARLO!

Avete mai provato a racchiudere un giardino in un barattolo? Se conoscete il mondo dei terrari, sapete a cosa ci riferiamo: contenitori di vetro ricchi di piante che ricreano un vero e proprio ecosistema in miniatura permettendovi di esporre un angolino verde originale e di design nel vostro appartamento.

Un altro aspetto bellissimo di queste composizioni è che se amate mettere le mani in pasta (e in terra!) come noi, adorerete dilettarvi nella creazione di un terrario fai da te. E noi potevamo tirarci indietro? Ecco cosa abbiamo imparato.

Come fare un terrario chiuso

Cosa serve per fare un terrario? Un barattolo di vetro con tappo, delle piantine, terriccio e argilla, carbone vegetale, un pezzo di tessuto non tessuto e alcuni inerti come pezzi di sughero, ciottoli e perlite. 

come fare un terrario

Potete reperire questi oggetti separatamente, oppure utilizzare un kit già pronto: noi abbiamo utilizzato quello di IF Creative Hub che include – secondo disponibilità – una fittonia, un ficus bonsai e una piantina di edera. Ricordatevi che sul loro sito è anche attivo il nostro codice sconto, basterà inserire “ROMATROPICALE15” al momento del checkout!

Una volta reperito tutto l’occorrente, i passaggi richiedono un po’ di attenzione e manualità, ma sono molto semplici.

Per prima cosa occorre depositare sul fondo dell’argilla e del carbone vegetale che vi aiuterà a mantenere pulito e purificato il vostro contenitore, coperti da un pezzo di tessuto – non tessuto per fare in modo che il terriccio che andrete ad aggiungere sopra non si mescoli al resto. 

Ora potrete aggiungere la terra, alternata – se volete dare un movimento cromatico al vostro terrario – a degli strati di perlite o inerti colorati. Per fare questo, potrete anche semplicemente disporli lungo i bordi proprio perché la loro utilità è esclusivamente estetica.

A questo punto potete procedere con l’inserimento delle piantine: scavate leggermente nei punti in cui volete posizionarle, e pulite le piante dalla terra del vaso, vi renderà più facile l’inserimento. Aggiungete della terra aiutandovi con un cono di cartoncino lì dove ne vedete la mancanza e decorate a piacimento aggiungendo ciottoli, sughero e inerti.

come fare un terrario

Per aiutarvi a posizionare le piante e a comprimere il terriccio, potranno esservi utili degli strumenti da terrario o potrete costruirne facilmente uno andando a fissare con lo scotch un bastoncino lungo di legno a un cucchiaio (per scavare e posizionare) e a un tappo di sughero (per comprimere). 

Adesso non vi resta che innaffiare: vaporizzate il terrario mirando alle pareti del barattolo più che alle piante, in questo modo l’acqua scorrerà lungo i bordi e andrà a inumidire tutto il terriccio che apparirà di colore più scuro. Lasciate il contenitore aperto per 1-2 giorni e poi chiudete con il tappo: il vostro terrario è pronto!

Terrario con piante: quali scegliere

Oltre alla cura nella scelta della forma del barattolo (a proposito, se vi piacciono di forme inusuali, qui trovate anche un kit per il terrario fai da te con un barattolo a uovo) e nell’alternanza del colore degli inerti, le vere protagoniste di un terrario sono le piante. Ma quali scegliere per renderlo, oltre che bellissimo, anche duraturo nel tempo? Sicuramente andranno benissimo le piante tropicali e quelle che necessitano di umidità: via libera quindi alle coloratissime fittonie, a piccole felci, all’edera e a palme in miniatura. Vi consigliamo di prendere delle baby plant o in alternativa di dividere i cespi prima di inserirle nel terrario

Se invece preferite il terrario con le piante grasse, anche queste bellissime da inserire in contenitori di vetro, vi sconsigliamo di seguire il procedimento sopra elencato, più adatto a terrari chiusi in cui si sviluppa molta umidità, prediligendo contenitori in vetro aperti e utilizzando substrati adatti a cactus e succulente.

Dove comprare un terrario

dove comprare un terrario

Se non avete voglia di creare un terrario fai da te, l’opzione è di acquistarlo già fatto. Potete comprare un terrario direttamente nella vostra città, infatti data la delicatezza è difficile che qualcuno deciderà di affidare un terrario a un corriere: vi arriverebbe decisamente strapazzato! A Roma potete trovarli nel piano -1 alla Rinascente, altrimenti vi consigliamo di contattare dei negozi (specializzati) di piante e fiori nella vostra zona, per chiedere se creano anche terrari in vetro. 

Aspettiamo le foto dei vostri terrari su Instagram!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *